Premio “Bagus talenti musicali”

Gran Concerto dell’Epifania: a Cortina grande successo per l’evento organizzato dall’Hotel de la Poste
Tra gli ospiti anche il sindaco di Cortina Giampiero Ghedina, Alessandro Benetton ed Enrica Bonaccorti

Cortina d’Ampezzo, 5 gennaio 2020_Applausi a non finire e un bis da pelle d’oca. Ecco la sintesi di quanto accaduto ieri sera a Cortina d’Ampezzo per il Gran Concerto dell’Epifania, presentato da Michela Andreozzi e organizzato dallo storico Hotel de la Poste con I Virtuosi del Teatro alla Scala e i solisti Luisa Prandina (arpa), Marco Zoni (flauto) e Fabrizio Meloni (clarinetto). Tra gli ospiti anche il sindaco di Cortina Giampiero Ghedina, Alessandro Benetton presidente di Fondazione Cortina 2021 ed Enrica Bonaccorti.

Oltre a celebri brani di Mozart, Rossini e Verdi, è stato eseguito anche l’Adagio di Samuel Barber che nel 2010 aprì le Olimpiadi Invernali di Vancouver. Da brividi il bis finale, nel quale i Virtuosi del Teatro alla Scala e i solisti hanno regalato una splendida esecuzione di Oblivion di Astor Piazzolla, lasciando letteralmente senza fiato il numeroso pubblico accorso all’Alexander Girardi Hall.

“Questo concerto ha grattato l’anima – ha commentato a caldo Gherardo Manaigo, direttore dell’Hotel de la Poste – I Virtuosi della Scala si sono davvero superati. Alla fine c’era un silenzio carico d’emozione. Noi siamo un hotel con un’anima. Siamo una famiglia. E questa parte di noi ieri sera è passata attraverso la musica dei Virtuosi”.

“Siamo felici e soddisfatti – ha chiosato Fabrizio Carbonera, direttore artistico dell’evento – È stato un momento davvero raro e prezioso. Credo che Cortina debba davvero puntare molto su questo genere di appuntamenti e partecipare con sempre più attenzione.”

Musica, champagne e la magia delle Dolomiti sono state protagoniste della serata che ha suggellato il prestigioso legame tra Cortina, Regina delle Dolomiti, e Milano, capitale della moda e dell’imprenditoria, in vista delle Olimpiadi del 2026. L’antica sartoria teatrale Arrigo Costumi di Milano ha firmato i costumi e abiti agli artisti, disegnati appositamente per l’occasione.

Durante l’intervallo del concerto è stato assegnato il Premio Internazionale Bagus a due giovanissimi talenti musicali italiani: Clarissa Bevilacqua, unica artista italiana – all’epoca minorenne – autorizzata a suonare uno Stradivari, e Rebecca Taio, giovane polistrumentista, talento puro al flauto e al violoncello. Di seguito le motivazioni.

Rebecca Taio, giovane polistrumentista, talento puro al flauto e al violoncello, è indiscusso astro nascente della musica classica. Ha saputo individuare il suo potenziale e dedicandovisi sta portando alti i valori della Musica a livello internazionale, con passione, semplicità ed umiltà.

Clarissa Bevilacqua, unica artista italiana autorizzata a suonare uno Stradivari già da minorenne, è capace di incantare il pubblico per il suo stile interpretativo e musicalità. Vera enfant prodige fa volare la sua mano, ad occhi chiusi, sulla tastiera e immerge gli spettatori nella magia del suo indiscusso talento musicale, divenendo positivo esempio per i giovani.

Gran successo e oltre cento anche i partecipanti alla cena di gala benefica presso il magnifico Salon Dolomieu dell’Hotel de la Poste, a favore dell’Andrea Bocelli Foundation per la ricostruzione dell’Accademia musicale di Camerino, distrutta dal disastroso terremoto de L’Aquila.

Comunicato stampa “Doc Com creative thinking”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *